As usual …

Latest

Fine blog

Seguitemi sui blog in inglese se vi pare. Ho dedotto questa sera, leggendo fra le righe di alcuni articoli, su vari giornali, cose molto gravi sulla situazione in Italia, cose che non accadevano neppure nella Germania Est della STASI, dove avevano un po’ piu’ di pudore ed onesta’ intellettuale, se non altro non riempivano i giornali con i risultati di spionaggio illegittimo ed illegale di tutti i cittadini, come detto molto grave, perche’ se anche si trattasse di informazione ottenuta “non illegalmente” in ambito giustizia, sussisterebbe comunque una violazione della catena di custodia.

Ci sono dei precedenti preoccupanti, dove per esempio intercettano il presidente della repubblica, e nessuno sa’, nella repubblica dei veleni, se mai in futuro potrebbero apparire “copie,” anche queste in violazione della catena di custodia, che raggiungano i giornali. La situazione e’ preoccupante in italia perche’ la privacy dei cittadini non e’ presa sul serio, e conversazioni che in uno stato di legge legittimo sono considerate private, o magari anche scherzose, in italia vengano ad assumere il rilievo di “prove” di fantomatici “reati” basati su morali retrograde, da stato delle canoniche, che esistono solo nei paesi del terzo mondo.

Poi, come detto, si comprende da tante esternazioni sempre nella stampa, che l’ italia e’ un talebanato cattolico o cattomarxista che sia, dove le nozioni di “morale” sono molto piu’ simili a quelle dei paesi dei pasdaran che non a quelle dei paesi civili e moderni. Se tutti in italia fossero come padre pio, magari sarebbe anche accettabile, in fondo i pasdaran sembrano razzolare come predicano, ma rileggendo la storia d’ italia ci si accorge spesso che le caste, di cui il cristobacchettonismo ossessionato della stampa e’ un degno complice, non sanno cosa sia l’ indegnita’, il rispetto di diritti civili, i diritti civili stessi, e forse anche l’ onesta’ intellettuale.

Scusate, ma con tutto l’ affetto per il paese, in cui sono cresciuto, in quasi trenta anni all’ estero ragiono molto diversamente da voi, e certi residuati di bigottocraticismo ipocrita condito piu’ o meno in salsa da retorica dell’ uomo della provvidenza, o di stalinismo nostrano ipocrita, o di cattosocialismo nostrano del magnamagna, in conflitto di interesse tipico di una casta di arroganti piccoli dittatori da terzo mondo, disturba, perche’ faccio fatica a concepire che certi esseri umani siano capaci di raggiungere tali livelli di disonesta’ intellettuale. Per cui, sayonara, buona fortuna e tanti auguri, credetemi, “ne avete bisogno.”

Advertisements

Torna l’imbroglio spread: così sinistra e poteri forti si oppongono alle elezioni

Torna l’imbroglio spread: così sinistra e poteri forti si oppongono alle elezioni

(da ilgiornale.it)

“‘Gli italiani, unici tra i Paesi euro, sono stati riluttanti ad assumersi responsabilità per i guai della nazione’, ha commentato il Wall Street Journal accusando Letta e Berlusconi di ‘suonare la cetra mentre Roma brucia.'”

Mah, io mi sono fatto coprire di insulti (magari non molto) volentieri per difendere l’ euro e la posizione italiana, anni orsono, quando wall street ed i loro scagnozzi predatori dalla florida, speculavano per il solo fine di ingordigia, ma questa volta siete indifendibili, sto’ lontano dai networks, specialmente da quelli economici come l’ Economist, se non vi rendete conto che nell’ ultimo anno avete bruciato solo risorse, senza concludere nulla di significativo, c’e’ un problema serio, non mi sembra strana la posizione di Fitch, dovete capire che le imprese non sono opere pie e non vivono d’aria fritta come la politica, concetto che chissa’ come, nel dogma catto-marxista italiota non e’ ancora completamente compreso.

Famiglia, aziende e partito Il mondo del Cavaliere ora scopre il dissenso

Famiglia, aziende e partito Il mondo del Cavaliere ora scopre il dissenso

(da lastampa.it)

“Fedele Confalonieri, ha scongiurato Silvio di pensare alle aziende e di mandare avanti, in politica, dei propri ambasciatori, come gli imprenditori avveduti hanno sempre fatto, senza esporsi in prima persona. Ma a Cologno Monzese e a Milano Due non sono preoccupati solo Piersilvio e Confalonieri: sono preoccupati tutti. Non vedono l’ora di far televisione senza essere nel mirino degli avversari politici e della magistratura; non vedono l’ora di far informazione senza il sospetto perenne di essere al servizio di un partito. Insomma a Mediaset sono tutti convinti che da un addio alla politica ci sarebbe solo da guadagnare. Perfino al Milan lo pensano. “

Ho paura Confalonieri abbia ragione, e’ un po’ una storia simile a cio’ che capito’ a Ross Perot in america, mentre correva per le presidenziali, se non scappava in tempo, magari avrebbe pure (forse) vinto la corsa, ma le sue aziende avrebbero tutte chiuso, lo sport nazionale dell’ epoca era di confrontare se un percento di piu’ di voti, corrispondeva a piu’ o meno di un percento di perdita in borsa, ricordo un giorno che perse l’ otto per cento a wall street, e si ritiro’, dignitosamente, facendo due calcoli, e spiegando a tutti come sarebbe finita.

Brunetta, per esempio, ha il carattere adatto a portare avanti il PDL, o FI che sia.

L’obliata prerogativa presidenziale di commutare la pena di cui all’art. 87 della Costituzione

L’obliata prerogativa presidenziale di commutare la pena di cui all’art. 87 della Costituzione

(da notizie.radicali.it)

“L’attualità del possibile utilizzo dell’istituto della commutazione della pena in modo autonomo rispetto al potere di grazia deriva ahinoi dalla trasformazione di fatto avvenuta in Italia della pena detentiva carceraria in vera e propria tortura, in privazione dei più elementari diritti dell’uomo, e secondo dati inconfutabili, sempre più spesso in pena di morte, tutto ciò in spregio all’art. 27, commi terzo e quarto della Costituzione repubblicana.”

Ha un buon punto, magari un temporaneo utilizzo della commuttazione della pena puo’ evitarci le sanzioni della Comunita’ Europea, ma nei fatti, il Quirinale non puo’ da solo farsi carico di cio’ che il cristobacchettonismo italiota non e’ capace (o non vuole fare, per regioni di dogma,) a livello legislativo, troppi casi, in una collezione di fonti giuridiche fossilizzate su leggi dittatoriali di bavaglio all’ espressione, e su leggi religio-talebane di persecuzione di reati senza vittime.

Prima di andare tutti a casa, il parlamento dovrebbe dare un’ occhiata alla situazione, e perlomeno agire per decreto, come minimo. Durante il passaggio tra due governi puo’ essere caso diverso, ma la questione e’ urgente tanto quanto lo e’ la copertura finanziaria. Ed in tanti casi, commutare le pene in sanzioni pecuniarie, non puo’ che aiutare, due volte, per quel che si risparmia, “e” per quel che si iscrive a bilancio.

Crisi finanziarie e pregiudizi ideologici

Crisi finanziarie e pregiudizi ideologici

(da ilfattoquotidiano.it)

“i mercati liberi tendono alla stabilità”

Dogma, quackery, la mano invisibile come la fantasia nei cieli tende alla stabilita’ nei loro sogni, un sistema che “puo'” produrre feedback positivo (per esempio il denaro falso dell’ usura della ‘efficienza monetaria,’) prima o dopo lo produce, e non puo’ essere considerato stabile, ogni componente che produce feedback positivo cambia il livello stabilita’ del sistema, e le permutazioni delle interazioni fra i vari componenti, che tendono all’ infinito, pure, ci sono aree di incertezza ai due lati della campana che si verificano raramente, ma quando si verificano li seppelliscono tutti, le black swans del caso.

L’ unico vantaggio dei mercati liberi, e’ motivazionale, ispira al fare, ma non dice nulla sul fatto che il fare sia meglio o peggio del non fare, il problema e’ irrisolto dai tempi del Conte Metternich, e relativa definizione degli “idioti efficienti,” senza contare la “corruzione delle democrazie,” nota dai tempi di George Bernard Shaw. Per contro, lo svantaggio dei modelli pianificati e’ nell’ incompetenza degli agenti, stesso discorso, provate a farvi fare un trapianto cardiaco da uno dei vostri meritevoli azzeccagarbugli.

Oppure fate volare i preti e gli economisti su un aeroplano che si comporta come i loro modelli, ci possono credere solo loro, se ci credono per davvero, e non ci prendono solo per il sedere. La regolamentazione, tipo basilea aiuta, ma non puo’ risolvere, perche’ il problema e’ insito nel concetto stesso di valuta ed usura, per rendere il feedback negativo si dovrebbe utilizzare come unita’ di misura, la stessa unita’ che regola l’ universo, l’ energia. Buon articolo.

Inps, oltre 12 miliardi di buco nel bilancio dopo l’incorporazione dell’Inpdap

Inps, oltre 12 miliardi di buco nel bilancio dopo l’incorporazione dell’Inpdap

(da ilfattoquotidiano.it)

“Un bilancio in rosso di quasi 10 miliardi di euro: è questo il risultato dell’incorporazione dell’Inpdap, soppressa a gennaio, nell’Inps. Nel 2012, l’istituto di previdenza ha registrato un disavanzo economico di 12,216 miliardi di euro, con un incremento di 9,955 miliardi rispetto al 2011. Per effetto del risultato economico di esercizio, il patrimonio netto dell’Inps al 31 dicembre 2012 risulta pari a 21,875 miliardi. E’ quanto emerge dalla nota che annuncia l’approvazione del bilancio da parte del Consiglio di indirizzo e vigilanza (Civ) dell’Inps.”

Notate che vi stanno preparando psicologicamente per la prossima coppia “fornero-monti.” I giovani non lo ricordano, ma i piu’ vecchi ricordano la questione dei turnover nell’ amministrazione pubblica, andavano in parlamento, e dopo il numero di mesi minimo, davano le dimissioni, per fare subentrare il prossimo “accumulatore” di pensioni d’ oro nella lista, la pratica e’ diffusa in tutte le amministrazioni elettive del paese. Una classe politica che ha “truffato” legalmente il paese per sessanta anni.

Ed ora “rubano legalmente” le pensioni di chi ha lavorato per davvero, “non per finta,” come i loro scaldasedie criminali taglieggiatori, viene il sospetto che li’ voglia arrivare questa crisi, magari creata a tavolino, “tutti complici.” Attenti a come vi rubano legalmente i contributi previdenziali questa volta, traete le conseguenze con il voto, e se non basta, traete le conseguenze nelle piazze, in prossimita’ delle stazioni di benzina.

Usa: non è la fine del mondo, dice Krugman. Ma poco ci manca

Usa: non è la fine del mondo, dice Krugman. Ma poco ci manca

(da ilfattoquotidiano.it)

“Trattandosi della maggiore economia al mondo questa repentina ricaduta nella crisi non potrebbe non avere ripercussioni anche a livello globale. Qualcuno teme persino il rischio di un ripetersi di quell’effetto “domino” che stava per partire nel 2008, fermato solo con un gigantesco sostegno finanziario da parte del Tesoro americano. Tutto questo avverrebbe esclusivamente per motivo politico: il partito repubblicano, che ha la maggioranza alla Camera dei Rappresentanti, è disponibile ad alzare il tetto del debito e risolvere così questo gravissimo problema, ma solo a condizione che Obama ceda al ricatto di avviare come contropartita una politica di risparmio sulle spese statali imponendo durissimi tagli alle spese del welfare, compresa la riforma della sanità che dovrebbe partire proprio in ottobre. Il ricatto comprende ovviamente anche la solita rigida difesa ad oltranza dei privilegi fiscali e normativi concessi alle categorie dei ricchi e degli straricchi. In quella direzione i repubblicani non ammettono alcun risparmio e nessuna maggiore entrata fiscale.”

Ha solo ragione, ma purtroppo noi siamo nella stessa barca vostra in questo senso, il GOP e’ ormai un partito essenzialmente di talebani cristofetenti “non negoziabili,” nelle tasche di una finanza di stampo mafioso, e servo per comodo (vedrete dove finite con la legge schifosa sul finanziamento dei partiti che avete fatto,) della grande finanza e delle multinazionali della religione, due categorie di sciagurati, il GOP non e’ piu’ lo stesso partito del dopoguerra, e’ una impresa criminale che parla solo di “dio” (e’ diventato un marchio pubblicitario dei cristofetenti,) per fare i proprii sporchi interessi, (ed i coglioni che loro credono in america sono tanti,) una “associazione a delinquere,” con il fine di imposizione degli interessi delle cristomafie e delle bancomafie, “UN PARTITO PRIVATO EVERSIVO.”

Ora andate a leggere delle varie “congiure,” “nuovo ordine mondiale,” nazi papa, nipote del banchiere di hitler, tornate indietro al 1998-1999 quando tutti i sistemi di controllo per evitare alle nazi-cristo-bancomafie dell’ usura di dio o sotto dio, truffassero il paese (ed il mondo, con 1500 mila miliardi di derivati spazzatura,) furono rimossi dalla legislazione, (un po’ cio’ che sta’ succedendo a voi, leggi incostituzionali,) poi il reichstags del 2001, e se avete un po’ di onesta’ intellettuale, capirete il perche’ per esempio la cricca cristo-banco-nazi-mafiosa ha 10,400 lobbisti, mentre il popolo americano non ne ha neppure 400.

Purtroppo, quello e’ il nostro problema, meno peggio del vostro, per ora, perche’ voi avete “due” problemi, ma sicuramente serio anche per voi, se noi andiamo in depressione, voi finite in una guerra civile, e quello e’ il risultato piu’ probabile se mai il GOP va’ di nuovo al potere, noi siamo mal messi, ma voi collassate, in europa, in cina, e nei BRIC, ha ragione, sara’ “effetto domino,” senza contare che il medio oriente ed il nord africa faranno la replica, le invasioni barbariche 2.0 in europa. Ma continuate con lo stato catto-marxi-talebano, invece di prepararvi al peggio, invece di tagliare l’ inutile ora, e vedete come finite quando l’ america incomincia ad andare in crisi, cipro ? grecia ? egitto ? non avete ancora visto nulla, non avete ancora visto nulla.

Non vi sono bastati i risultati brillanti del nipote del banchere di hitler ? Volete provarci di nuovo ? Supportate un altro governo repubblicano in america, poi commettete suicidio collettivo. Noi in america abbiamo bisogno del massimo possibile supporto mondiale, di una politica keinesiana e del partito democratico al potere, il piu’ a lungo possibile, E VOI ANCHE. In america c’e’ troppo privatismo, ma da voi c’e’ troppo socialismo, se voi liberalizzate un po’ e noi socializziamo un po’, “forse” ci si salva tutti, ma se si fa’ il contrario finiamo entrambi in bancarotta, gli unici che vincono sono i rackets dei banchieri cristomafiosi, ed i rasputin delle religioni canaglia loro complici.

Svelato il piano: uccidere il nostro benessere

Svelato il piano: uccidere il nostro benessere

(da ilgiornale.it)

“È la teoria che risale all’indirizzo cattolico comunista, secondo cui la tassazione dei consumi di massa è una leva importante per combattere il «consumismo» cioè ridurre il benessere di coloro che, grazie al lavoro e al risparmio, aspirano a un tenore di vita dignitoso. … Questo tema si inserisce in una concezione complessiva dei rapporti fra lo Stato e il mercato. Il patto neo corporativo per cui sindacati e Confindustria si accordano e ciò che decidono vale come regola generale a cui tutti debbono sottostare è un altro aspetto di questa concezione che privilegia il principio di autorità rispetto alla libertà privata.”

Il concetto che il bene comune deve prevalere su quello individuale, quando l’ azione individuale danneggia il bene comune, e’ legittimo, ed e’ il caso della teoria dei torti e della tragedia delle commons. E’ un limite ragionevole della liberta’ di ognuno che garantisce la liberta’ di tutti.

Ci sono due parti di questa storia:

1) Cio’ che andava fatto nel secolo scorso, ma voi vi siete guardati bene dal fare perche’ toccava gli interessi del parassitismo catto-marxi-bacchettone:

Qui’ andiamo oltre “il bene comune” con una “casta politica” incompetente, parassita, inconcludente, grandiosa, ed inutile, che impone il male comune per tornaconto personale, che dopo di che’ con metodo cattodelirante, si moltiplica ed espande dappertutto come il cancro, fino a paralizzare la produttivita’ a favore della stessa casta. E come sempre, si e’ cambiato tutto per non cambiare nulla, passato il craxi sacrificale, gli altri sono esattamente uguali a come erano le cose prima, anzi peggio, allora avevano un po’ di pudore, perlomeno non si permettevano di dottorarci sul loro merito, tutto cio’ che e’ cambiato in settanta anni, e’ che si sono trasformate le cattedrali nel deserto di stile bigottocratico, in cattedrali nel deserto in stile cattomarxitalebano.

Ora, la “tassazione ragionevole” e’ una cosa, ma il mungere la vacca per rifiutare di muoversi nel mondo moderno e restare nel medievo, per salvare leggi, leggine e leggiucole inutili, anzi, dannose, “ostacoli” che impediscono la produttivita’ nel nome del castalismo politico alla franceschiello ed al taglieggio di amministrazioni locali di stampo mafioso, o per far finta di non vedere le assurdita’ idiote di morali ugualmente idiote e primitive, perche’ fa’ comodo al racket del perdono dei peccati e della redenzione a spese di pantalone, oppure il mungere la vacca per espandere la spinta idraulica delle cattedrali nel deserto, quelle che il francese chiamo’ le piramidi della teoria della massima incompetenza, e’ troppo.

Possono raccontare le loro storielle del bosco viennese ai fessi, la realta’ del fatto che sono incapaci, e’ nei numeri:

tasse di vendita (vostra IVA) USA=>da 0% a 8% voi siete sopra il 20%

prelievo fiscale USA=>da 15% in su’ con quota esente di $12,000 (60,000$ di reddito pagano attorno al 25%) voi, lasciamo perdere

burocrazia ?, automazione ?, lasciamo perdere, mille anni di differenza, un altro pianeta

Cosa avete che noi non abbiamo ? Assistenza medica universale. Per il resto, mi spiace, ma siete nel fango fino al collo.

E qui’ siamo al dunque, e’ la quackery socialista governocentrica composta, che associa l’ inefficienza socialista marxista da politbureau con l’ inefficienza socialista bigottocratica delle fantasie morali psicopatiche delle canoniche, che porta a questi risultati, non si puo’ creare una societa’ per legge o per decreto, si deve permettere che il desiderio umano di massima felicita’ la lasci crescere spontaneamente, ma l’ imposizione di briglie inutili, di peso burocratico, di leggi, leggine e leggiucole inutili, di taglieggio amministrativo inutile, soffocano ogni iniziativa, e portano solo verso il periodo socialista per eccellenza, “il medioevo,” la deindustrializzazione, conseguenza, non c’era industria nel medioevo.

2) Poi olte a cio’ che andava fatto nel secolo scorso, c’e’ anche cio’ che “andrebbe” fatto adesso per il futuro, che consiste nel porre rimedio alle due grandi sfide odierne, sovra-procreazione e trend di diminuzione di net energy output.

Ora, “in questa ottica,” certe tassazioni sono utili, per esempio si devono tassare in modo “sostanziale” carburanti, per scoraggiare l’ economia fossile, verso una economia di rinnovabili, per esempio si devono tassare in modo “sostanziale” i figli dopo il secondo, per scoraggiare la procreazione talebana in un pianeta in via di estinzione, e per esempio si deve incoraggiare e de-tassare il lavoro a distanza e l’ economia logistica, per allocare abbastanza carburante per la produzione.

Sempre “in questa ottica,” si dovrebbero nazionalizzare le banche, e contemporaneamente eliminare tutto il terziario di attivita’ puramente basate su valuta, speculazione finanziaria, usura, che sono un peso morto per la societa’, si dovrebbero tassare ‘i profitti’ degli ‘esenti furbi,’ tipo le religioni, che portano a casa utili esentasse dalla loro azienda editoriale di pornografia in germania, o che fanno utili con il riciclaggio e magari anche l’ evasione fiscale delle loro fetenti banche di dio.

Poi si dovrebbe tassare l’ obsolescenza pianificata, tutto cio’ che non e’ “modulare,” “aggiornabile in perpetuo,” “di disegno aperto,” non commercializzato con un path preciso di retrofit futuro (per esempio, io tasserei al 100% i telefonini, i tablets, al 50% i laptops, ma tasserei solo al 25% i PC, al 10% i servers basati su processori PC, ed allo 0% le workstations non PC compatibili aggiornabili, oppure tasserei al 100% i sistemi operativi Microsoft ed al 50% i sistemi operativi Apple, ma allo 0% i sistemi gratuiti o i sistemi che supportano continuita’ intergenerazionale ‘almeno’ per gli ultimi venti anni, come Oracle-Sun Solaris o HP VMS.)

Anche, sempre “in questa ottica,” si dovrebbe utilizzare come valuta interna solo l’ energia, o alternativamente, basare le tasse di vendita (vostra IVA) sul contenuto energetico non rinnovabile, perche’ l’ industria che puo’ sopravvivere nel tempo breve, e’ solo quella alimentare, tutti gli altri, o vanno verso il “long life cycle,” o sono destinati a sparire.

Infine, si dovrebbe eliminare l’ IVA “e” la necessita’ di permessi su tutti gli assetti capitale “renewable,” pannelli solari, generatori a vento, maree, idroelettrica, depurazione delle acque, nurseries, stagni autosostenibili, recupero acque piovane, duomi geodesici, colture idroponiche autosostentanti, e si deve liberalizzare e de-tassare la produzione di energia, per tutti, fine dei monopoli, l’ energia appartiene a chi la produce, fine del taglieggio dei cristomarxi boiardi monopolisti idioti, lo stesso va’ fatto con le comunicazioni wireless ed i componenti per servizio gratuito di citizens networks, deregulation totale, zero tasse, zero gabelle, zero permessi, vadano al diavolo i taglieggiatori cristomarxi boiardi monopolisti idioti.

Per evitare che le cristomafie di wall street ci uccidano tutti, serve proibire gli OGM vegetali, gli antiparassitari nicotinoidi, ed i brevetti su proprieta’ intellettuale e componenti chimici organici, nonche’ tutti i sistemi nucleari che non usino il torio come carburante. Si dovrebbe altresi’ proibire alle religioni (e membri) ed alle attivita’ finanziarie (e membri,) di contribuire finanziariamente alla politica, in quanto le collusioni di tali gruppi con mafie, gruppi di hate, genocidi ed altri rackets criminali, sono storicamente provate.

Oppure, l’ alternativa sono i campi di sterminio del vaticano e di wall street, il “nuovo ordine mondiale” del genocidio delle cristonazimarximafie, e se voi siete parte del 90%, sarete le vittime, a meno che non li impicchiate tutti prima.

Saccomanni e Fassina vogliono il Letta bis: ‘O sarà la Troika a fare la legge di stabilità’

Saccomanni e Fassina vogliono il Letta bis: ‘O sarà la Troika a fare la legge di stabilità’

(da ilgiornale.it)

“scrivere la legge di stabilità da portare in Europa. Il braccio di ferro sulle coperture per evitare l’aumento dell’aliquota Iva e sulle misure per contenere il rapporto tra deficit e pil, che è andato ben oltre la soglia del 3% stabilita dagli euroburocrati di Bruxelles, ha fatto saltare il Consiglio dei ministri di venerdì scorso … rischi connessi a un elevato spread tra Btp e Bund tedeschi”

la soglia del 3% E’ relativamente semplice da ottenere, “ed” hanno il “dovere” di agire per decreto, “prima” della verifica di maggioranza, per non lasciare “il paese” in brache di tela. Se esagerano finisce che il decreto decade la prossima legislatura, per cui deve essere un decreto che va’ bene a tutti “ed” essere un decreto che “riduce” la spesa pubblica, possibilmente evitando di “rubare legalmente” dai contributi previdenziali degli italiani (e degli stranieri di 360 paesi che hanno lavorato in italia,) con il metodo monti-fornero, o di ridurre i servizi essenziali, o di aumentare le gabelle.

Ora sono mille i modi di cio’ fare, senza necessita’ di modifiche costituzionali, sceglietene un numero sufficiente a raddrizzare i conti, chi verra’ dopo vedra come proseguire:

1) Accorpamenti “strutture” regioni limitrofe in unica sede (localita’, ma non struttura amministrativa)
2) Eliminazione parlamenti regionali, da sostituire con assemblee dei sindaci capoluogo e presidenti province
3) Transito di competenze amministrative ASL agli ospedali, chiusura delle ASL
4) Riduzione stanziamenti per Regioni
5) Accorpamenti “strutture” province limitrofe in unica sede (localita’, ma non struttura amministrativa)
6) Riduzione stanziamenti per Province
7) Accorpamenti dei comuni sotto i diecimila abitanti (localita’ e struttura)
8) Chiusura immediata enti inutili, messa in mobilita’ o quiescenza personale inutile di detti enti inutili
9) Cessione immediata (tramite IPO) enti senza interesse strategico e manifestamente inutili, ma con valore commerciale (tipo la RAI)
10) Eliminazione sovvenzioni industria pubblica (tipo ferrovie)
11) Privatizzazione universita’ prossime alla bancarotta
12) Obbligatorieta’ uso free open software nella PA (eccezioni in deroga con permesso corte dei conti) (vale due miliardi, easy money)
13) Monetizzazione patrimonio archeologico, a cura regioni, procedura per transito in beni patrimoniali
14) Depenalizzazione di “tutti” (o quasi, meglio di nulla,) i reati senza vittime (opportuno, caso Europa)
15) Cauzione da versare al tesoro, in lieu di arresti precedenti il giudizio, per casi non pericolosi (opportuno, caso Europa)
16) Legge su archiviazione “paperless” “obbligatoria” nella PA (vale sei miliardi, easy money)

Tenete presente che aumentare le tasse, qualunque esse siano, forse eccetto la benzina il cui consumo va’ scoraggiato, o derubare legalmente il paese, ha un prezzo elettorale molto alto, ma ognuno e’ libero di spararsi sui piedi, (o di sparare sui piedi del proprio partito come vuole,) tanto pagano in fretta, in queste condizioni nessuno li dimentica al voto, stiano tranquilli.

spread tra Btp e Bund certo non e’ una bella scelta, dovete scegliere se arricchire le cristobancomafie italiane o quelle tedesche, ma il discorso si puo’ solo affrontare con un governo stabile, alla prossima legislatura, sperando che i cristomarxifetenti ed i bancomafiofetenti, e relativi scagnozzi, si prendano una bastonata in testa da ricordare per un pezzo, ma non e’ detto succeda.

«Il diavolo cerca la guerra interna in Vaticano»

«Il diavolo cerca la guerra interna in Vaticano»

(da roma.corriere.it)

“Le parole del Papa mentre celebra la festa di San Michele con la gendarmeria: «Difendeteci anche dalle chiacchiere»”

Ha bisogno di un “piano solo,” dove i gendarmi lo portano in salvo a castel gandolfo, e mettono in gattabuia tutti gli altri. Poi ricomincia da capo con gente semplice, magari alla chiesetta di trastevere delle origini. In fondo il vaticano come prigione, confina con regina coeli, tanto vale estenderla e fare un carcere unico.

Con Luciani e’ andato lui, ma questa volta e’ ora vadano loro.